Ideazione e implementazione di un modello partecipato – basato sulla solidarietà intergenerazionale della collettività locale – di sostegno educativo all’anziano fragile non istituzionalizzato, che vive in condizioni di solitudine e/o isolamento sociale

Il programma di ricerca ha avuto come obiettivo generale quello di sperimentare un modello partecipato di sostegno educativo domiciliare all’anziano fragile, attraverso l’attivazione di un lavoro di rete volto a promuovere la partecipazione dei giovani del territorio.

Attraverso un percorso di ricerca-azione in cui sono stati coinvolti dei “giovani qualificati”, vale a dire futuri educatori del Corso di laurea in Scienze dell’educazione e della formazione dell’Ateneo padovano, si è realizzato un progetto pilota di educativa domiciliare rivolta all’anziano che vive in condizioni di povertà relazionale, frutto della collaborazione di un gruppo di docenti della Sezione di Pedagogia con la FAP (Federazione Anziani Pensionati) – Acli di Padova.